You are here:
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

RECENSIONE SEMI D'AUTUNNO

RECENSIONE su Talento, 2006.

Martin – "Semi d'autunno" – Lorenzo Ed. - € 10

Non è facile proporre una panoramica esauriente sul lavoro di prosa poetica di Martin, Semi d'autunno, a causa della varietà dei temi trattati e dell'impetuosa ricchezza con la quale l'io dell'autore propone se stesso in un incessante lavoro di creazione. Forse rimane maggiormente impressa la magmatica varietà di temi nate dalle virulente passioni di un animo ancora legato a dimensioni adolescenziali ma non per questo prive di profondità e interesse. Quello che è certo è che l'azione di squadernamento dell'io si compie completamente nei contenuti e nelle forme di una intransigenza verso se stesso che lo portano a dimensioni molto forti.

Particolarmente significativo a tale riguardo ci sembra un passo di Naten e Mir, Una solitudine perforante, come se il mio cuore fosse all'interno / di una stanza piccolissima con pareti di carne umida e calda. A questo movimenti di ricerca orientati verso una dimensione interiore non mancano intimità o ricerca di essa; Voglio rimanere da solo, nel mio castello in rovina, con i miei specchi rotti e deformanti incastonati sotto le pupille.

La ricerca si configura in primo luogo come una presa di coscienza di quello che necessariamente si è, senza veli e poi compare l'attività di scavo vera e propria della soggettività che mossa da vari stati emotivi propone incessantemente un'alterità a cui affidarsi nella sua interezza. Questa attività battagliera e mai finita della soggettività ha però dei limiti, situazioni che devono essere accettate senza scampo e l'autore ne è ben conscio: Il ricordo di te, sempre con me sarà. Non ci sono parole. / Scritti in questo momento per dirtelo. / Solo saperlo vero esistere. Il mio unico rammarico è che mai / è possibile tornare indietro. Mai.

Giuseppe Enria


 

Commento dell'Autore.

Questa è una sezione anticamera, dove ti illustro il mio libro, magari ascoltando un pò di musica e bevendo un qualche infuso, così, come tra amici di vecchia data.

E' stato pubblicato da Lorenzo Editore nel 2005, era un mio sogno da molto tempo e alla fine ho trovato il coraggio e Qualcuno che credesse in me.

All'interno ho fatto una scelta insieme ai miei cari di quali poesie inserire e quali omettere.

E' stato un lavoro estenuante, e ringrazio ancora tutte le persone che in quei mesi hanno assecondato il mio sogno e mi hanno aiutato a portarlo a compimento con pazienza e amicizia.

Perché i sogni sono la nostra linfa, ma troppo spesso rimangono intrappolati dentro scatoloni pieni di dubbi e polvere.

Nel mio Blog ho intenzione di pubblicizzare questo prodotto editoriale a cui sono molto affezionato e sono ancora in possesso di alcune copie, non molte.

Nel tempo è stato acquistato e regalato.

E sapere che taluni di voi, in giro per il mondo, leggono e sfogliano quelle pagine, ti assicuro che mi da una certa soddisfazione.

Perché ogni pagina è intrisa di una storia, di un momento, di una persona.

E perché io, sono un sognatore... sono convinto che questa sia l'immortalità.

Che anche dopo di te, esisterai sempre fino a quando qualcuno, leggendo, ti penserà.

Martin

Per l'acquisto contattami via MAIL.

Trovi alcune opere tratte dal libro nella sezione Poesie / I Semi

 
Symbol