illustrazioni
 

Gli Alberi

Qua trovate tutte le mie poesie scritte dopo "Semi d'Autunno" e soprattutto dal fine 2007.
Sono molto importanti anche queste per me, come ogni cosa che ho scritto in questi anni, sono espressioni della mia percezione della vita.
Dell'amore e di tutto ciò che mi rende vivo.
Buona lettura.
Martin

Phoca Facebook Comments

Share on Myspace
You are here:
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Il vento di Settembre

( 10 Votes )
L'avete vissuto?
L'avete ascoltato?
Vi ha colto impreparati?
Ha giocato con le vostre vesti?

Oh ieri il vento m'ha reso parte di esso.
Mi ha spruzzato sordido nel mondo.
E contra gli alberi e contra le case, sopra le montagne e tra l'erba giovane.
Il polline,               via via,          via da me,         sulla terra ora si riposa.
Nel domani che sarà oggi oggi.

Vento, mio fratello per nascita, tanto t'ho cercato.
Tanto ho atteso che screpolassi le mie labbra.
Che asciugassi i miei occhi tumidi.
Che scompigliassi il mio crine corvino.
Che pungessi la mia pelle.

Solo con te volo, nell'ovunque che siamo noi.
Porti con te odori di tanti posti.
Rime di poeti e foto di persone.
Porti lacrime e sorrisi.
Porti frasi di amanti e spine.

Porti calore e fresco, proprio dove serve.
A lungo t'ho evocato, nei giorni, nei mesi.
Ora tu t'appropinqui con leggerezza.
Odo il tuo trepestio, da lontano e conosco il tuo tangere.
E una volta giunto prendi ciò che devi con fermezza e passione.

Messi i rami, prepari il lavoro all'Autunno.
Porti morte si che possa la vita.
Ti stupisce, lo noto con dolcezza, che io non abbia foglie per te.
Le mie continuano ad essere gagliarde.
Le nutro, si nutrono e non te le posso dare ancora.

Non portare via nulla da me.
Perché questi giorni che io vivo, che ho vissuto sono miei.
E comunque giusti o sbagliati m'appartengono di diritto.
Mi tatuano, mi coprono, mi spogliano.
E non te li faccio giudicare e recidere.

Ed esso in risposta, cantilenando, mi ripete ciò che già so:
"Solo così, io ti amo, lo capisci?
Non amandoti.
E solo così io non ti amo.
Sparendo nel nulla, lasciando il tuo ventre libero.
Solo così."

Ma questa missiva, non a me è indirizzata.

Eolo, amato compare.
Passa l'autunno a venire.
Io aspetto che tua sorella venga a scoprirmi.

Settembre è tempo
di pioggia.
di vento.
 

About the author Martin - Andrea Franzino

 

Martin (Andrea Franzino)

"Per cadere, basta una spinta.
Per volare, ci vuole perseveranza." 

Le mie Poesie 
I miei Aforismi  

More about Martin - Andrea Franzino

Design by Martin:

logo_kc_OVER

Google +1


By PLAVEB

Creative Commons

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Se volete donare per permettermi di poter manutenere e migliorare questo blog di poesie, sentitevi liberi nel farlo. Ovviamente vi ringrazio per l'attenzione. Martin

Importo: 

Cerca nel blog

Ritroviamoci su Facebook!


Promuovi anche tu la tua pagina

IL MIO LIBRO

Banner

guestbook

Symbol