illustrazioni
 

Gli Alberi

Qua trovate tutte le mie poesie scritte dopo "Semi d'Autunno" e soprattutto dal fine 2007.
Sono molto importanti anche queste per me, come ogni cosa che ho scritto in questi anni, sono espressioni della mia percezione della vita.
Dell'amore e di tutto ciò che mi rende vivo.
Buona lettura.
Martin

Phoca Facebook Comments

Share on Myspace
You are here:
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Vivo

( 6 Votes )
La dimensione del mio cuore può essere ancora immensa.
Tu e solo tu mi dai quello che mi serve.
Mi nutri.
E disseti.
Mi inventi.
E poi come spuma bianca d'oceano t'infrangi sulla mia pelle.
Ti infili negli anfratti sottopelle.
E diffondi il tuo sapore nel vento più fine sopra i declivi a nord.
Ed illuminando i frutteti a sud, mi lasci riposare sotto l'uggia del melograno.
Pensandoti.
Leggendoti.

Sapere di te.
Nel profondo.
E' l'unica cosa che mi permetto di avere.
Non chiedo a nessun di entrare.
Ma a te lo lascio fare.
Ho lasciato solo questa porticina piccola piccola che tu sei riuscita a trovare.
Con quel tuo modo di sorridere dentro il mio volto.
Quella pelle ...
Chi più di te è me, ora.
Perché tu non sei meglio o peggio, simile o dissimile da nessun'altro.
Più bella o più brutta, più dolce.
Tu sei tu.
Non mi ferisci, e siamo su di un pianeta così lontano ma bello.
Mentre altri mi corrono lontano, dimenticando.
Mentre altri mi camminano al fianco, conoscendo.
Mi togli le mie domande e non certezze dalla schiena.
Divelli le delusioni, che tutti comunque sia nascondiamo nei nostri zaini.
Fai accomodare i miei passati in altre stanze.
Basti tu.
E basterai sempre.
Per tutto il sempre che sarà nostro.
Perché sei carne e sangue.
Perché sei viva, vera.
Perché quando le mie foglie incontrano le tue, impazzisco d'un tratto.
E se ti tengo distante, è perché non voglio illudermi.
Non voglio farti male.
Non voglio soffrire mai più come appena ieri.
Perché non mi fido più, anche se tu mi tenti.
Perché la gente regala paradisi e inferni, sempre.
(in quel posto tra il sogno e l'addio).
Ma vorrei darmi questa possibilità.
Ma soltanto per te, per me.
Ma solo con te, sai.
E con nessun'altra.
Tu e nessuno può capire cosa mi fai.
Cosa mi stai dando.
Sei l'estate e la primavera, d'inverno e d'autunno.
Ti sfioro e vorrei,
               lanciarmi sradicando questi fili di gomma che mi fissano al suolo.
E succederà.
E questo grazie anche a te.
Piano piano.
Sto svuotando il mio cuore da tutto.
(Dimmi che (non) devo andare..)
Vivo quello che sono, e sono contento di essere io.
Vivo quello che siamo, non giudico, non chiedo, non suppongo, non esigo,
 
                                             vivo.
 

About the author Martin - Andrea Franzino

 

Martin (Andrea Franzino)

"Per cadere, basta una spinta.
Per volare, ci vuole perseveranza." 

Le mie Poesie 
I miei Aforismi  

More about Martin - Andrea Franzino

Design by Martin:

logo_kc_OVER

Google +1


By PLAVEB

Creative Commons

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Se volete donare per permettermi di poter manutenere e migliorare questo blog di poesie, sentitevi liberi nel farlo. Ovviamente vi ringrazio per l'attenzione. Martin

Importo: 

Cerca nel blog

Ritroviamoci su Facebook!


Promuovi anche tu la tua pagina

IL MIO LIBRO

Banner

guestbook

Symbol